L’origano e la gioia…

origanoL’origano (Origanum vulgare L.) è tradizionalmente impiegato per le proprietà aperitive, stomachiche e antispasmodiche. Presenta azione stimolante la funzionalità digestiva ed è particolarmente indicato nelle atonie gastriche e intestinali caratterizzate da gonfiore epigastrico, lentezza digestiva, eruttazioni, meteorismo, flatulenza e nell’insufficienza epato-biliare. Si consiglia pertanto di utilizzare la pianta anche come spezia da condimento: in questo modo, infatti, sono facilitati i processi digestivi e al contempo viene svolta un’azione antisettica ed antifermentativa (olio essenziale). L’origano manifesta, inoltre, azione espettorante ed è indicato nelle affezioni bronchiali acute benigne. Grazie all’azione antispasmodica è utile nella pertosse ove contribuisce a calmare gli accessi pertussoidi e favorisce una guarigione abbastanza rapida (2-3 settimane) ed esente da complicazioni. Risulta efficace anche nelle tracheiti da fumo. La 070915-origanum-vulgarepianta, grazie all’olio essenziale presente nel fitocomplesso, possiede proprietà antimicrobiche marcate, ad ampio spettro, che giustificano il suo impiego, oltre che nel trattamento delle forme bronchiali, ecc., nell’uso topico per disinfettare ferite, ulcerazioni, bruciature e svariate lesioni cutanee. Viene segnalata anche un’azione antipruriginosa ed eutrofica. Si ricorda a questo proposito che le foglie di origano rientravano fra i componenti degli alcolati vulnerari, preparati che servivano a curare piaghe e ferite. L’origano può essere impiegato, per gargarismi, in caso di infiammazioni bucco-faringee, come antalgico e antisettico. In linea di massima le proprietà terapeutiche sono simili a quelle del timo e della maggiorana.
Curiosità:  Il nome deriva dal greco oros = montagna e ganos = gioia, in quanto la sua presenza ravviva gioiosamente i fianchi delle montagne. I Greci ritenevano che apportasse gioia ai defunti e per questo motivo lo piantavano sulle tombe. Consideravano l’origano anche simbolo di felicità e con esso facevano corone per le giovani coppie.
(http://fitonews.wordpress.com/)

Enrica Campanini

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *